Gràngia è il termine latino che si usa per indicare il luogo dove si conserva il grano, ma che indica anche il complesso degli edifici costituenti la struttura agricola e l’insieme della proprietà agraria.

La Certosa di Padula era organizzata in un sistema di grancie, abbazie e monasteri che costituivano il dominio della Certosa di San Lorenzo, esteso, oltre che in Campania, anche ai territori dell’antica Lucania.

L’arrivo quasi giornaliero delle merci da parte dei vari possedimenti dimostra che sin dalle sue origini la Certosa rappresentava non solo un grande attrattore ante litteram, ma anche un motore di sviluppo di relazioni e di scambio.

Scopriamo insieme le grancie della Certosa di Padula

Organization of World Heritage CitiesL’Organizzazione riunisce 250 città che hanno nel proprio territorio un sito iscritto nella lista del Patrimonio mondiale dell’UNESCO. Nel loro insieme queste 250 città hanno una popolazione mondiale che supera i 130 milioni di abitanti. Per ciò che concerne il territorio italiano le città membro sono: Assisi, Sabbioneta, Vicenza, Urbino, San Gimignano, Noto, Napoli, Ferrara, Verona,  Venezia, Roma Modica, Matera, Catania, Palazzolo Acreide, Modena, Mantova, Scicli, Ragusa, Siena, Genova, Pienza, Militello val di Catania, Firenze, Caltagirone, Siracusa.

Il comunedi Padula con Delibera di Giunta comunale n. 99 dell’8.10.2015 ha aderito all’Organizzazione delle città del Patrimonio mondiale.

L’Organizzazione delle città del Patrimonio Mondiale ha lo scopo di aiutare le città membro ad adottare e/o perfezionare un modello di gestione tenuto conto delle peculiarità e delle esigenze particolari generate dalla presenza di un sito UNESCO sui territori di riferimento. Così come previsto dal Regolamento generale, l’Organizzazione  si propone di (finalità/obiettivi):

  • contribuire all’applicazione della Convenzione sulla protezione del Patrimonio Mondiale culturale e naturale e della Carta internazionale per la salvaguardia delle città storiche;
  • favorire la crescita, sia a livello regionale che internazionale, della cooperazione e interscambio di informazione e conoscenza tra tutte le città storiche del mondo, tutto questo in stretta collaborazione con le altre organizzazioni che perseguono obiettivi analoghi;
  • ricercare e adottare, grazie alla collaborazione di organismi specializzati, esperti e specialisti del settore, le migliori soluzioni per la gestione pratica dei siti;
  • sensibilizzare la popolazione rispetto al valore Patrimonio mondiale e alla sua protezione e conservazione.

Il Comune di Padula ha promosso ricerche storiche con l’obiettivo di identificare sul proprio territorio la presenza di itinera peregrinorum verso Roma, Santiago e Gerusalemme.

Punto di partenza è nel comune di Padula l’eremo, oggi definito di San Michele alle Grottelle, dove esiste un ciclo pittorico di Santiago.

Gli insediamenti rupestri come quello di S. Michele alle Grottelle, testimoniano la presenza dei monaci basiliani e la trasmissione delle loro pratiche religiose e dei loro culti.

Le ricerche hanno dimostrato che Padula e la sua Certosa erano un importante via di snodo sulla Via Annia Popilia, al centro di un crocevia che portava i pellegrini da sud a nord in direzione Roma e Santiago e verso Gerusalemme.

Filtra per

Tutto
PADULA - ROMA
PADULA - HERACLEA